Miglior tostapane 2017

Cos’è un tostapane

Quando si decide di acquistare un nuovo tostapane, si deve scegliere innanzitutto la sua tipologia, in quanto da questa dipenderanno molte altre caratteristiche. Dalla tipologia di tostapane, infatti, dipendono ingombro, funzioni, prestazioni e manutenzione, tutti fattori molto importanti nella scelta del miglior tostapane per le proprie esigenze. Il tostapane non è altro che un piccolo elettrodomestico, che nelle cucine italiane è molto diffuso. Questo apparecchio è conosciuto anche come piastra per toast, tostiera o piastra per tostapane, a seconda del modello e appunto, dalla tipologia scelta. Desiderate tostare le fette di pane per poi spalmarle di burro o marmellata, oppure volete tostare un panino già bello farcito? Allora per ogni esigenza, esiste uno specifico modello. In generale sono due, vediamo insieme quali.

Prodotto Dimensioni prodotto/cm Potenza Valutazione Vedere il prodotto
27 x 18,5 x 18 900 W VEDI PREZZI
28,5 x 17,2 x 18,8 600 W VEDI PREZZI
37,1 x 12,6 x 18,2 1400 W VEDI PREZZI
19 x 34 x 26 1100 W VEDI PREZZI
30 x 21,7 x 21,5 650 W VEDI PREZZI
30 x 21,7 x 21,5 825 W VEDI PREZZI
15 x 24 x 18 550 W VEDI PREZZI
20,5 x 30,51 x 24 800 W VEDI PREZZI
22 x 15,5 x 18 550 W VEDI PREZZI
20 x 32 x 27 550 W VEDI PREZZI

Le tipologie di tostapane

Prima di scegliere il miglior tostapane per le vostre esigenze, dovrete decidere quale tipologia preferite tra:

  • Tostapane verticale – Si tratta del tostapane più classico in commercio, quello che ci rievoca alla mente una forma precisa, quella di un parallelepipedo con due fessure nella parte superiore dove inserire le fette di pane da tostare. Questo è l’elettrodomestico preferito da coloro che vogliono tostare solo il pane e poi inserire al suo interno tutto il resto. Infatti, questa tipologia di tostapane, non si adatta alla cottura di un panino per intero. Per questo avrete bisogno di un…
  • Tostapane orizzontale – Si chiama così, proprio perché la sua struttura si sviluppa in orizzontale e oltre ad essere in grado di tostare le fette di pane, può anche cuocere alla griglia gli alimenti o scaldare interi panini. Le due piastre sovrapposte, si chiudono a libro, per avvolgere completamente l’alimento e riscaldarlo in maniera uniforme. Il suo funzionamento è diverso da quello dei tostapane verticali, che integrano lampade alogene o cavi di acciaio che si riscaldano, mentre il modello orizzontale, dispone delle piastre che si riscaldano.

In base al tipo di tostapane che si sceglie, è possibile cuocere diversi alimenti al suo interno. Ovviamente, il modello orizzontale è quello che offre maggiore versatilità, poiché su di esso è possibile anche cuocere carne, pesce e verdure, cose impossibili da fare anche nel miglior tostapane verticale!

Le dimensioni contano?

tostapaneQuando si parla di dimensioni di un tostapane, non ci si riferisce soltanto ad un elemento, ma a più elementi, che sommati tra di loro, formano l’ingombro complessivo che il tostapane andrà ad occupare sul ripiano della cucina. Nel scegliere il miglior tostapane per le proprie esigenze, infatti, è necessario tenere presente alcuni criteri:

  • Quante fette inserire contemporaneamente – la maggior parte dei tostapane verticali che si trovano in commercio, consentono di inserire al massimo due fette di pane, mentre altri, ovviamente dalle dimensioni maggiori, anche quattro. Si tratta quest’ultima, di una caratteristica sicuramente interessante per chi vuole preparare più toast per volta o magari possiede un bar. Ovviamente, più è grande la famiglia e maggiore sarà la propensione ad acquistare elettrodomestici più grandi;
  • Dimensioni della camera di cottura – la camera di cottura di un tostapane verticale è isolata e vi si accede mediante le due fessure che si trovano nella parte superiore. Più sono spesse queste fessure e più grandi possono essere le fette di pane inserite. Nei modelli orizzontali, invece, le piastre che si aprono a libro, hanno la possibilità di ospitare senza alcun problema, anche le fette di piane più grandi;
  • Ingombro del tostapane – alcuni tostapane verticale, presentano fessure per l’inserimento delle fette di pane adiacenti e quindi parallele, sviluppando l’ingombro del tostapane in larghezza, mentre i modelli per quattro fette di pane contemporaneamente, si sviluppano più in lunghezza. I tostapane orizzontali, invece, devono il loro ingombro alla grandezza delle piastre. È chiaro, che per una tostiera orizzontale, è necessario avere sulla cucina molto più spazio di quanto richiesto da un modello verticale.

Il peso del tostapane – le più fortunate, potranno tenere per tutto il tempo il tostapane sulla cucina, perché hanno abbastanza spazio. Per coloro che non sono così fortunate, invece, è necessario considerare anche il peso di questo elettrodomestico, che andrà spostato ogni volta. In generale, il modello orizzontale è molto più pesante di un modello verticale.

Con quali funzioni?

Scegliere il miglior tostapane per le proprie esigenze, significa anche decidere quali funzioni riteniamo indispensabili e quali no. Le funzioni, inoltre, sono molto importanti da tenere a mente, non solo perché influenzano il prezzo finale del prodotto, ma anche perché ne modificano l’utilizzo giornaliero. Un prodotto più completo, si traduce anche in un tostapane che si utilizza maggiormente, più sofisticato tecnologicamente e che, probabilmente, durerà anche di più!

Ovviamente, più sono le funzioni e la tecnologia inserita in un qualsiasi tostapane, verticale o orizzontale, e più alto sarà il prezzo da pagare per portarselo a casa. Ogni modello, presenta funzioni e caratteristiche differenti, vediamo insieme quali sono.

Le funzioni del tostapane verticale

  • Espulsione della fetta automatica: quasi tutti i tostapane oggi in commercio offrono questo tipo di funzione, che però non è presente in quelli più economici, che non fanno altro che interrompere la cottura del pane non appena il timer arriva a zero;
  • Scongelamento: alcuni moderni tostapane, offrono anche la funzione di scongelamento (detta in inglese “defrost”), che consente di scongelare gli alimenti appena tirati fuori dal freezer. Solo i modelli di una certa fascia di prezzo in su offrono tale funzione, anche se sta diventando più comune rispetto al passato;
  • Riscaldamento: altra funzione che accompagna quella di Defrost, è quella per scaldare, ad esempio un cornetto al mattino. Per riscaldare, così come per scongelare, l’alimento va posto sulle fessure, aiutandosi con un accessorio apposito;
  • Funzione di centratura: questo sistema si assicura che la fetta di toast inserita nella fessura, sia posizionata in modo centrale, riscaldando in tal modo uniformemente il toast;
  • Pinze: la maggior parte dei modelli offrono le pinze, nelle quali è possibile anche inserire toast già farciti e cuocerli contemporaneamente, a seconda delle loro dimensioni.

Le funzioni del tostapane orizzontale

  • Piastre intercambiabili: questo tipo di tostapane, offre la possibilità di togliere la piastra tradizionale rettangolare, per inserirne altre di forme differenti. Ad esempio, ci sono piastre ideali per “decorare” i toast, lisce o con griglie;
  • Riscaldamento rapido: il tostapane dotato di funzione di riscaldamento rapido, è in grado di riscaldarsi in tempi molto brevi, l’ideale per chi al mattino è sempre di corsa, oppure è gestore di un bar, che deve riscaldare velocemente un panino al proprio cliente;
  • Auto-spegnimento: questa funzione consente lo spegnimento automatico del tostapane lasciato acceso, ma che non viene utilizzato entro un certo lasso di tempo. Ideale per i più sbadati e anche per risparmiare energia elettrica.

Quale potenza scegliere?

Prima dell’acquisto del miglior tostapane possibile, è necessario tener conto della sua potenza. Probabilmente, questo non è un fattore principale nel momento di scegliere un tostapane, soprattutto per uso domestico. Mentre se si intende utilizzare il tostapane all’interno di un’attività, è necessario dotarsi di un apparecchio di potenza medio-alta. La potenza di un tostapane, si riferisce al wattaggio e alla regolazione di temperatura.

Il wattaggio

I modelli meno potenti, ma che possono andare bene per un utilizzo domestico hanno una potenza di circa 500 watt. Quelli più potenti, invece, possono arrivare anche a 1800 watt. Un tostapane più potente, ovviamente, è anche più rapido a scaldarsi e a cuocere gli alimenti, ma anche più costoso.

La regolazione di temperatura

Il secondo elemento che influenza la potenza di un tostapane, sia orizzontale che verticale, è la regolazione di temperatura. La maggior parte dei modelli dispone di una manopola che consente di regolare a proprio piacimento la temperatura delle piastre, per poter ottenere una cottura migliore.

La manutenzione del tostapane

Nella scelta del miglior tostapane per le proprie esigenze, il fattore pulizia è molto importante, se non fondamentale. Il tempo da dedicare alla corretta manutenzione del proprio elettrodomestico, varia di modello in modello. Partiamo da quelli verticali. Di solito, non è possibile accedere all’interno delle fessure superiori con il semplice ausilio delle mani, ma la maggior parte di questi modelli, dispone di un vano raccogli briciole nella parte inferiore, nel quale si accumulano tutti i residui di cibo. Una volta terminata la cottura, questo vano si apre per svuotarlo e pulirlo completamente. La manutenzione di questi apparecchi dunque, risulta piuttosto semplice e veloce.

miglior tostapanePer gli apparecchi orizzontali, invece, la pulizia è più complessa. Innanzitutto, se si preparano toast completi, è molto probabile che qualche residuo di cibo, che fuoriesce dal panino, finisca sulla piastra, che pur se antiaderente, ci si attacca in un secondo. Quando si termina di cucinare con il tostapane orizzontale, è fondamentale pulirlo, perché quello che vi si appiccica sopra, se non viene rimosso il giorno stesso, dopo sarà più difficile da rimuovere.

Ancora una volta, quindi, il tostapane verticale, si evidenzia come il prodotto più funzionale per un utilizzo domestico, perché più pratico rispetto al cugino orizzontale, che invece è più adatto ad un bar o una tavola calda. Ciò non toglie però, che entrambi siano validi per qualsiasi scopo e che per scegliere quello migliore, basta seguire le proprie esigenze!